IPOTIROIDISMO E ATEROSCLEROSI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Articolo Dr. Piazza - L'opinione personale n.2 - febbraio 2016
 
"Medicina Metropolitana" - Periodico di Informazione per la Salute ed il Benessere Anno I - Gennaio/Febbraio 2013
 
"Medicina Metropolitana" - Periodico di Informazione per la Salute ed il Benessere Anno V - Numero 1 - Marzo 2011
 
"Palermo Medicina Metropolitana" - Periodico di Informazione per la Salute ed il Benessere Anno 3 - Febbraio 2009 - Autorizzazione: Tribunale di Palermo in corso
 
"Palermo Medicina Metropolitana" - Periodico di Informazione per la Salute ed il Benessere - Anno 2 - n. 2 - Giugno 2008
 
"Palermo Medicina Metropolitana" - Periodico di Informazione per la Salute ed il Benessere - Anno 1 - n. 1 - Settembre 2007
 

 

 
Ipotiroidismo e Aterosclerosi.pdf

Le tireopatie sono le più frequenti endocrinopatie dopo il diabete mellito e si associano ad un aumento del rischio cardiovascolare che è determinato da una complessa interazione di processi di tipo aterogeno ed emodinamico.

Aterosclerosi La relazione tra malattie tiroidee e aterosclerosi, in particolare, è attualmente oggetto di molti studi volti a spiegarne i meccanismi etiopatogenetici e a migliorarne il trattamento.
L'ipotiroidismo subclinico, la cui prevalenza aumenta con l'età ed è maggiore nel sesso femminile, è il caso paradigmatico in cui l'opportunità di un trattamento ormonale sostitutivo è tuttora controversa e discussa. Specie alla luce di nuovi studi che suggeriscono di non trattare i pazienti se non per valori di TSH > di 10 mcU/ml.
Studi che peraltro sembrano tralasciare la valutazione del danno d'organo tiroideo con esame ecografico, non tenendo conto della presenza o meno di noduli, di gozzo, di aspetto ecografico “disomogeneamente tarlato” nelle tiroiditi, di eventuale emiagenesia o emitiroidectomia etc.
Sempre tali studi valutano solo l'appropriatezza del trattamento solo sulla base della valutazione del TSH e dei sintomi ma tralasciano la valutazione del colesterolo totale, HDL ed LDL, che come risaputo sono sotto controllo tiroideo e non tengono conto neanche dell'eventuale ispessimento patologico intimale carotideo che qualunque ecografista del collo ormai è in grado di fare in semplicità.
Nella mia casistica personale circa il 15-20 % dei pazienti con ipotiroidismo sub-clinico ha un colesterolo totale fuori range tra 200 mg e 240 mg %.
Tale valore supera anche il 260 mg% per valori di TSH all'esordio maggiori di 7 mcU/ml specie se coesiste familiarità per ipercolesterolemia.
Non è infrequente, anche nei pazienti giovani con ipo sub-clinico, il riscontro di ispessimento intimale tra 0,6 e 1 mm.
Aterosclerosi

Tutto ciò trova spiegazione nel fatto che sia l'ipotiroidismo sub-clinico che quello conclamato è da tempo considerato un importante fattore di rischio aterosclerotico, a causa delle modificazioni metaboliche che lo caratterizzano e dell'aumentata pressione arteriosa diastolica. Nei pazienti ipotiroidei sono stati riportati incremento dello spessore medio intimale carotideo e di alcuni markers patognomonici di aterosclerosi: PCR, lipoproteina-alfa, fibrinogeno, glicemia > di 110 mg%, trigliceridi > di 150 mg% %, che associati a obesità androide (circ vita > di 94) configura la s. metabolica.
E' assodato che negli ipotiroidei è aumentata l'incidenza di malattia coronarica e di ictus, anche se, grazie alla terapia sostitutiva, mancano dimostrazioni dirette di aterosclerosi accelerata e di aumentata morbidità o mortalità da causa cardiovascolare in studi prospettici controllati.
Sono invece numerosi gli studi epidemiologici e le metanalisi pubblicate negli ultimi decenni sull'associazione tra ipotiroidismo subclinico, definito da aumentati livelli sierici di tireotropina (TSH > di 4,1 ) e normali concentrazioni circolanti degli ormoni tiroidei in assenza di sintomi, e malattia cardiovascolare aterosclerotica.
Nei pazienti con ipotiroidismo subclinico infatti vi sarebbe una maggiore incidenza di coronaropatia e di morte da causa cardiovascolare. Occorre sottolineare tuttavia che i risultati dei vari studi non sono sempre concordi e che il rischio di eventi cardiovascolari e la mortalità sarebbero influenzati da vari fattori quali l'età dei pazienti e il rischio non è aumentato nei soggetti di età superiore a 65/70 anni.
La terapia sostitutiva con L-tiroxina in particolare ridurrebbe il rischio di eventi cardiovascolari nei pazienti con ipotiroidismo subclinico ed età inferiore a 70 anni.
Inoltre l'ipotiroidismo è causa frequente di ipercolesterolemia secondaria e pertanto andrebbe sempre ricercato in tutti i soggetti dislipidemici, specie se di non chiara origine genetica.
La prevalenza dell'ipotiroidismo negli ipercolesterolemici è ampiamente variabile, a seconda degli studi, dall'1,4% al 13,3% a seconda dei criteri di definizione dell'ipotiroidismo ed all'inclusione o meno dell'ipotiroidismo sub-clinico.

E’ assodato altresì che nell'ipotiroidismo conclamato la composizione e il trasporto delle lipoproteine è severamente alterato con presenza di:

  • ipercolesterolemia totale ed LDL
  • marcato aumento delle LDL (low density lipoproteins) per diminuita induzione, da parte degli ormoni tiroidei, dell'espressione del gene del recettore epatico delle stesse LDL
  • aumento delle apolipoproteine B (apoA)
  • ipertrigliceridemia per diminuita induzione della lipasi epatica indotta da T4 e T3
  • riduzione del numero dei recettori epatici per le LDL con diminuzione della loro clearance

Le HDL (high density lipoproteins), nell'ipotiroidismo conclamato, sono normali o spesso aumentate per una riduzione dell'attività della CEPT (Cholesteryl-ester transfer protein) e della lipasi epatica, tutti enzimi regolati dagli ormoni tiroidei.
La bassa attività della CEPT e più specificamente dell'HL provoca un ridotto trasporto degli esteri di colesterolo dalle HDL alle VLDL (very low density lipoprotein) e alle IDL (intermediate low density lipoproteins) e da HDL ad HDL.
Nell’ipo sub-clinico è stato descritto inoltre un ridotto trasferimento di trigliceridi e fosfolipidi alle HDL con possibile loro compromissione “protettiva” ed un aumento delle ox-LDL.
Un altro meccanismo con cui gli ormoni tiroidei riducono il colesterolo è lo stimolo della sintesi degli acidi biliari, tramite l'espressione di CYP7A1, e della secrezione biliare del colesterolo tramite l'aumento dell'espressione di ABCG5/ABC.
Inoltre l'ipotiroidismo aumenta l'ossidazione del colesterolo plasmatico principalmente perché è alterato il pattern di captazione del colesterolo che risulta aumentato.
Diversi studi hanno anche dimostrato la correlazione diretta tra livelli di TSH e le concentrazioni di colesterolo totale, LDL, e trigliceridi e in modo inversamente proporzionale con i valori delle HDL non solo nell’ipotiroidismo sub-clinico ma anche nei soggetti con coronaropatia e sani.
Il consumo di ossigeno cardiaco è ridotto con aumento delle resistenze periferiche e riduzione della contrattilità miocardica con possibile insorgenza di ipertensione diastolica.
Inoltre l'ipotiroidismo è associato a disfunzione endoteliale e aortosclerosi, tutti fattori di rischio cardiovascolare, che, associati all'ipercolesterolemia, possono promuovere aterosclerosi multidistrettuale aumentando così il rischio di ictus, infarto e panangiosclerosi obliterante.
Sono stati proposti anche meccanismi di attivazione dell’immunità innata riscontrata nelle lesioni aterosclerotiche di pazienti con ipotiroidismo sub-clinico rispetto a lesioni di controllo, con elevati markers di flogosi cronica.
La disregolazione del linfociti T, alterazioni citochiniche o altre anomalie immunitarie presenti nelle patologie tiroidee potrebbero, secondo questa ipotesi, influenzare la flogosi vascolare e i processi aterosclerotici.
Fatto si è che la terapia sostitutiva con Levo-tiroxina normalizza i livelli di colesterolemia totale ed LDL e rispristina il normale trasferimento alle HDL di trigliceridi e fosfolipidi con riduzione dello spessore medio intimale e miglioramento della funzione endoteliale, come riscontrato nella pratica clinica quotidiana e confermato e dimostrato da Razvi et al.

Pertanto, per quanto detto, è mia personale opinione, che l'ipotiroidismo sub-clinico, vada trattato anche per valori di TSH di poco superiori a 4,1 mcU/ml, se sono presenti oltre ai sintomi tipici di ipo-sub-clinico anche i markers pro-aterogeni biochimici (Colesterolo totale, LDL elevati), iperfibrinogenemia, iperomocisteinemia, PCR elevata) e fenotipici (BMI ,circ. addominale, obesità androide con incremento progressivo del peso), ipertensione diastolica anche lieve e segni ecografici di danno d'organo ghiandolare tiroideo: gozzo o ipertrofia ghiandolare compensatoria, noduli e pseudonoduli disomogenei e/o ispessimento intimale carotideo patologico > di 1 mm ma anche borderline (0,6-1 mm) se trattasi di soggetti giovani e di anemia secondaria all’ipofunzione ghiandolare tiroidea.

 

BIOGRAFIA

  1. Pinchera A., Chiovato L. et al Thyroid and lipid metabolism. Int. J Obes Relat Metab Disord 2000;24(2):S109-12
  2. Gunduz M et al. Atherosclerosis in clinical and sub-clinical ipothyroidism. Intern.Journal of endocrinology 2012. Article ID 109797
  3. Tseng et al. Subclinical hypothyroidism is associated with inncreased risk for all cause and cardiovascular mortality in adults, J. Am.Coll Cardiol. 2012;60(8): 730-737
  4. Singh S et al Impact of subclinical disorders on coronary heart disease, cardiovascular and all cause mortality: a meta-analysis. Int Journal Cardiology 2008;125:41-48
  5. Giornale Italiano dell’aterosclerosi 2013;4:53-64 Patologia Tiroidea e aterosclerosi N. Renda – F. Bernini
  6. Razvi et al. The beneficial effect of LT4 on cardiovascular risk factors.,endothelial function, and quality of life in sub-clinical hypothyroidism: randomized, crossover trial. J Clin. Endrocrinol.Metab. 2007; 92(5) 1715-1723
  7. Peppa M et al. Lipidabnormalities and cardiometabolic risk in patients with overt and sub-clinical thyroid disease. J. Lipids 2011 Article ID 575840.
  8. Rotondi et al. Subclinical hypothyroidism and the risk of coronary heart disease and mortality. JAMA 2010; 304(12): 1365-1374
  9. Szczepanek-Parulska E et al Anemia in thyroid diseases. Pol Arch Intern Med. 2017;127(5):352-360.

 

- TORNA SU -

 

 

   
   Copyright © 2008 - 2019 - Dr. Vincenzo Piazza - Tutti i Diritti Riservati
Powered by Adriana Argento  
  Contatore per sito

siti web
Le <strong>tireopatie</strong> sono le più frequenti <strong>endocrinopatie</strong> dopo il diabete mellito e si associano ad un aumento del rischio cardiovascolare che è determinato da una complessa interazione di processi di tipo aterogeno ed emodinamico. <br> La relazione tra <strong>malattie tiroidee e aterosclerosi</strong>, in particolare, è attualmente oggetto di molti studi volti a spiegarne i meccanismi etiopatogenetici e a migliorarne il trattamento.